skip to Main Content

COMUNICAZIONE

 ASCOMUT INFORMA – 29 marzo 2019

1. CREDITO D’IMPOSTA FORMAZIONE 4.0 – HELP DESK

Il 14 marzo 2019, Confcommercio Milano ha sottoscritto con le Organizzazioni Sindacali di categoria Filcams-CGIL, Fisascat-CISL e Uiltucs-UIL di Milano, il Contratto Collettivo Territoriale Formazione Impresa 4.0, valido ai fini del riconoscimento del credito di imposta per l’anno 2019, per le imprese che applicano il CCNL per i dipendenti da aziende del Terziario della Distribuzione e dei Servizi.

Il Contratto Collettivo Territoriale, che fa seguito a quello dello scorso anno e recepisce le novità della Legge di Bilancio 2019 nonché le indicazioni del Ministero dello Sviluppo Economico, consente alle imprese associate a Confcommercio Milano e che rispettino integralmente il CCNL del Terziario di poter beneficiare di un credito di imposta per le spese relative al costo aziendale del personale dipendente per il periodo in cui è occupato in attività di formazione, negli ambiti richiamati dal Piano Nazionale Impresa 4.0.

La Legge di Bilancio 2019, prevede che tale credito d’imposta possa essere fruito nella misura del 50% dalle piccole imprese e del 40% dalle medie imprese, fermo restando il limite massimo annuale di 300.000 euro. Per le grandi imprese la misura è del 30% nel limite massimo annuale di 200.000 euro.

Le imprese del territorio della Città metropolitana di Milano, indipendentemente dal numero dei dipendenti occupati, possono applicare il Contratto Collettivo Territoriale nelle unità produttive ove non siano costituite Rappresentanze Sindacali Aziendali – RSA e/o di Rappresentanze Sindacali Unitarie – RSU.

L’attività formativa utile ai fini del riconoscimento del credito di imposta è quella erogata successivamente all’adesione al Contratto Collettivo Territoriale.

Il Contratto Collettivo Territoriale prevede anche la possibilità di fruire di un finanziamento straordinario per la formazione da parte di EBITER Milano, per favorire l’acquisizione o il consolidamento delle competenze rilevanti per la trasformazione tecnologica e digitale da parte dei lavoratori rivolto alle imprese del Terziario che siano in regola con il versamento dei contributi all’Ente Bilaterale e che abbiano previsto tali attività di formazione attraverso:

  • l’adesione al Contratto Collettivo Territoriale
  • la sottoscrizione di uno specifico Contratto Collettivo Aziendale con le RSA/RSU

Il Contratto Collettivo Territoriale ha validità fino al 31 dicembre 2019, salvo la possibilità di proroga delle disposizioni normative.

Su questo tema, inoltre, i Servizi Sindacali di Confcommercio Milano organizzano uno Sportello di assistenza alle imprese: si chiama “Help Desk Formazione Impresa 4.0” dove, attraverso incontri individuali, potranno approfondire gli aspetti normativi e fiscali, di adesione al Contratto Territoriale e progettare gli interventi formativi.

La prenotazione dei singoli appuntamenti avviene attraverso un apposito form presente sul sito internet di Confcommercio Milano, a cui seguirà una comunicazione di conferma con l’indicazione del giorno e l’ora dell’incontro.

Il primo Help Desk è programmato per mercoledì 17 aprile.

2. NUOVI SERVIZI ASCOMUT IN CONVENZIONE

Due interessanti accordi in convenzione riservati alle imprese ASCOMUT sono attualmente in fase di valutazione operativa:

Il primo riguarda la gestione finanziaria delle operazioni internazionali in valuta estera e, in modo particolare, pagamento ed incasso internazionali in valuta nonché copertura del rischio di cambio.

La convenzione in fase di approvazione prevede:

  • un azzeramento delle commissioni sui bonifici internazionali in entrata e in uscita;
  • disponibilità di una piattaforma online gratuita multicurrency (oltre 100 valute), attraverso cui è possibile gestire in totale autonomia l’intero processo di gestione dei pagamenti:
    pagamenti e incassi
    strumenti di copertura del rischio cambio
    visualizzazione cambi in tempo reale
    produzione reportistica
  • supporto operativo dedicato e personalizzato di un esperto per proteggersi al meglio dalle oscillazioni valutarie.

Il secondo accordo, già operativo, è stato invece raggiunto con un importante azienda tipografica specializzata nella stampa roto-offset, offset e digitale, che ha recentemente sviluppato una particolare capacità nella stampa di libri e cataloghi con tecnologia digitale.

Tramite questo procedimento si possono gestire le bassissime tirature (anche di poche decine di copie), ad un costo contenuto, abbattendo il vincolo della stampa offset, che impone invece la produzione di tirature più alte.

Alle tecnologie per la stampa digitale già presenti da tempo, si è aggiunta una macchina a getto d’inchiostro di ultima generazione, tra le prime installate in Italia, capace di raggiungere una qualità pari, se non superiore, alla tradizionale stampa offset, sia per la risoluzione (1200×1200 dpi reali), sia per l’estensione dello spazio colore riproducibile.

Ideale per la produzione di libri, cataloghi, riviste e brochure di alta qualità. Fotografie, illustrazioni e opere d’arte vengono enfatizzate grazie alla sorprendente resa cromatica garantita.

Ogni maggiore dettaglio operativo può essere chiesto rivolgendosi alla Segreteria dell’Associazione.

3. CONVEGNI E SEMINARI

Segnaliamo alcuni eventi organizzati da AICE e dalla Direzione Commercio Estero di Confcommercio Milano e aperto alla partecipazione gratuita delle imprese nostre associate.

Giovedì 11 aprile ore 9,00: Seminario sul tema “EuroAsiatic Economic Committee (EAC): quale certificazione per i macchinari”

Il seminario ha l’obiettivo di aiutare i produttori/esportatori, attraverso l’analisi di casi pratici, ad individuare le certificazioni di conformità applicabili ai macchinari da esportare nell’Unione EuroAsiatica in base alla loro complessità. Per Unione doganale EuroAsiatica si intendono Bielorussia, Kazakistan, Russia, Armenia e Kirghizistan.

Si descriveranno i processi di valutazione di conformità dei macchinari stessi ai requisiti delle Technical Regulation dell’Unione EuroAsiatica.

Si illustreranno i set documentali necessari per l’emissione delle certificazioni applicabili e l’apposizione del marchio EAC.

Al termine del seminario, è prevista una sessione di dibattito per chi volesse richiedere dei pareri personalizzati sui singoli casi aziendali.

Giovedì 18 aprile ore 9,00: Seminario sul tema “Brexit: quali effetti per le imprese”

Secondo gli scenari pubblicati dal Governo britannico, nel medio-lungo termine qualsiasi tipo di Brexit produrrebbe un effetto negativo rispetto alla permanenza di Londra nell’Ue. Ma tale impatto sarebbe di gran lunga superiore nel caso di un hard Brexit.

Rispetto agli altri grandi paesi Ue, l’Italia appare a prima vista meno esposta al rischio hard Brexit: solo poco più del 5% delle nostre esportazioni è diretto verso il Regno Unito. I settori di punta del nostro export sono: la meccanica strumentale, il tessile, il chimico e l’agroalimentare.

Tuttavia, tra i Paesi europei, è proprio l’Italia ad avere il terzo maggiore surplus commerciale europeo nei confronti di Londra (12 miliardi di euro l’anno).

Il seminario proverà a delineare i possibili effetti di Brexit da un punto di vista legale, fiscale e doganale.

La partecipazione è gratuita per le aziende associate Confcommercio.
Programma e scheda di partecipazione possono essere chiesti alla Segreteria dell’Associazione.

Le iscrizioni saranno confermate tramite e-mail tre giorni prima dell’incontro

Back To Top